* EXTRA5 *
SCONTO del 5% per acquisti di almeno EUR 100 su Vini e Distillati
APPROFITTA del COUPON a fine carrello !!!

6 DUCA San Felice CIRO' Rosso Riserva 2021 Librandi

77,40 €
Disponibile
Solo 1 rimasto/i

Scheda prodotto

Scheda prodotto
Cod.Art. A4DAV75
Denominazione Cirò DOC
Consumo per Fascia d'età > 18
Allergeni Contiene Solfiti
Annata 2021
Gradazione (% Vol.) 14
Formato (cl./gr.) 75
Composizione / Uvaggio Gaglioppo
Temperatura Servizio 16 - 18°
Tempo Conservazione di lunga durata
Scadenza No
Abbinamenti Carne rossa
Marchio Librandi
Produttore Librandi
Paese di Produzione Italia
Regione Calabria
Tipologia Contenitore IT Bottiglia
Quantità x Confezione 6
Tipologia Vino Rosso
Dettagli
Il Riserva “Duca Sanfelice” è un Cirò Rosso a base di Gaglioppo in grado di esprimere in maniera genuina la forza e la ricchezza dell’aspra terra calabrese. Gli intensi aromi di spezia, tabacco, cannella e frutta rossa matura guidano ad un assaggio possente e armonico, dal tannino vellutato e dal lunghissimo finale.
Descrizione produttore
librandi Siamo da quattro generazioni tenaci sostenitori della nostra terra, della sua ricchezza e di quello che ha rappresentato, rappresenta e soprattutto di quanto rappresenterà in futuro per il mondo del vino. Siamo partiti dalla tradizione, dal Gaglioppo, dal Greco e dalla grande quantità di varietà autoctone presenti sul territorio della nostra regione. Siamo partiti dall’alberello e dai portainnesti storicamente usati in zona, oltre che dagli insegnamenti dei nostri esperti viticoltori con la loro abilità che affonda le radici nei secoli di storia viticola del Cirotano. Ci siamo poi rivolti ai massimi esperti del settore viticolo ed enologico, perché sapevamo che un minuzioso lavoro di ricerca ci avrebbe permesso di fissare, conservare ed esaltare il nostro patrimonio viticolo. Questo è infatti da sempre il nostro obiettivo e la nostra richiesta alla comunità scientifica. Lungi dal voler inventare o modificare alcunché, attraverso la scienza abbiamo semplicemente voluto capire meglio e in modo definitivo quello che di grande avevamo a disposizione. Sappiamo oggi che l’intuizione iniziale era giusta e sappiamo anche che alcune delle pagine più belle dell’enologia calabrese devono ancora essere scritte.